Vasi portacandele (M. Magarelli)

Fotografia tratta dalla rivista ADD Nov./Dic. 2011 - Edizioni Lumina     

Questo progetto e' stato gentilmente offerto da Marianna Magarelli del sito Le creazioni di Lory dove Marianna raccoglie tutte le sue passioni e Non solo Bijoux specializzato sulle Paste Sintetiche.

Tra le molte qualità delle paste sintetiche, vi è quella di essere abbinabili a tanti oggetti di uso quotidiano. Oggetti che magari abbiamo già in casa, che ci hanno annoiato e che possono tornare a una nuova vita semplicemente cambiandoli un pò.’… Persino i bicchierini della cioccolata spalmabile, che riempiono un po’ per volta i nostri armadietti, possono essere riutilizzati seguendo questa tecnica e trasformati in eleganti portacandele che abbelliranno la tavola nelle serate invernali con gli amici!

Pubblicità

OCCORRENTE

- Vasetti di vetro o vasetti portacandele
- Pasta sintetica trasparente e/o perla e argento
- Fogli per texture, centrini, timbri, fibbie
- Tagliapasta di diverse dimensioni
- Porporina argento
- Glitter iridescente
- Macchina per la pasta e/o mattarello
- Cutter flessibile e rigido
- Pinzette e bulini
- Pasta liquida o colla vinilica (facoltativa)
- Carta vetro a grana grossa

 

 SPIEGAZIONI

La tecnica di base consiste nel rivestire i vasetti con una sfoglia di pasta chiara: il trasparente si abbina molto bene, ma anche con il perla si ottengono dei meravigliosi effetti. Ammorbidire, quindi, un panetto di pasta e lavorarlo nella macchina della pasta o con il mattarello fino a che non risulta ben liscio, dopodiché assottigliarne lo spessore fino a circa 3 mm. Avvolgere la sfoglia intorno al vaso da rivestire. 

 
Vasi portacandele (M.Magarelli)
 

prenderne le misure, fare due tagli netti nel punto di giunzione e poi passarvi sopra con le dita e lisciare per unire, magari bagnando leggermente il polpastrello con la pasta liquida o con pochissima colla vinilica. Avvolgere verso l’interno del vaso la sfoglia che avanza verso l’alto e far aderire bene quella esterna.

Vasi portacandele (M.Magarelli)
 Fare la stessa cosa per la parte sottostante, dopodiché ripulire con il cutter flessibile, rifilando queste due parti.

 

Vasi portacandele (M.Magarelli)
 A questo punto, si può cominciare a personalizzare i vasetti, utilizzando il tagliapasta per togliere pezzi o fare incisioni, timbri, centrini, fibbie o fogli per texture. La carta vetro a grana grossa, unitamente all’uso della porporina, servirà invece a dare bellissime impronte alla sfoglia o ad alcune sue parti.
 
L’EFFETTO RUVIDO
Per creare un effetto ruvido sulla sfoglia, rotolare il vasetto già rivestito su una striscia di carta vetro a grana grossa tenendolo in modo da non toccarlo all’esterno. Quando si sarà ottenuto l’effetto desiderato, intingere il dito nella porporina argento, scrollarne l’eccesso su un pezzo di carta e passare su tutta la superficie. A questo punto, si può eliminare con un piccolo tagliapasta pezzi di pasta oppure aggiungere pezzi di pasta nella forma desiderata (in questo caso, la forma è la stella), alternandone di diversi colori o unendo alla pasta trasparente un po’ di glitter per avere un effetto più brillante.
Vasi portacandele (M.Magarelli)      Vasi portacandele (M.Magarelli)
 L’EFFETTO TEXTURE
Per creare l’effetto texture, ammorbidire la pasta e creare una sfoglia omogenea di circa 3/4 mm di spessore. Se si utilizza un timbro o una fibbia, sarà sufficiente appoggiare
l’arnese sulla sfoglia ed esercitare una leggera pressione. Ripetere l’operazione su tutta la superficie necessaria, riposizionando con cautela il timbro o la fibbia per dare omogeneità al disegno creato. Se si utilizza il foglio per texture oppure un centrino, appoggiare questi oggetti sulla sfoglia e poi rotolare il mattarello avanti e indietro esercitando una pressione adeguata a lasciare l’impronta desiderata. Una volta ottenuto l’effetto texture, con la porporina argentata portare in luce il disegno in superficie, come già spiegato per l’effetto ruvido. A questo punto, la sfoglia è pronta per andare a decorare parti dei vasetti tagliandola in strisce oppure ricavando formine decorative con il tagliapasta o, ancora, per rivestire parte del vasetto, alternandola con un’altra tecnica decorativa.
Vasi portacandele (M.Magarelli)
LE INCISIONI
Per creare le incisioni, appoggiare sul vasetto rivestito il tagliapasta e muoverlo lentamente nelle varie direzioni per creare il solco di distacco. Con una pinzetta sollevare delicatamente il pezzo da eliminare. Se, invece, si vuole solo ottenere un effetto di incisione, questa operazione non sarà necessaria: basterà muovere ulteriormente il tagliapasta per allargare bene il solco.
 
Vasi portacandele (M.Magarelli)
 
 Unire le varie tecniche descritte per creare portacandele simili ma diversi tra loro!

Le immagini e l'idea di questa particolare realizzazione sono un copyright (c) di Marianna Magarelli

E' proibita la riproduzione per scopi commerciali.

 

Salva

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!

Ti potrebbe interessare anche:

Iscriviti alla Newsletter

Iscrivendoti alla newsletter di Hobbydonna rimarrai aggiornata su tutte le nostre novità!
Non ti invieremo MAI spam... garantito!
I agree with the Privacy policy

Link consigliati

Calendario Fiere

Aprile 2019
L M M G V S D
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 1 2 3 4 5