Questa  rubrica è stata gentilmente offerta dall'Editoriale Campi che pubblica l'Almanacco Barbanera, dal 1762 il più celebre almanacco d'Italia.


capelli

Pelle e capelli in forma dopo l’'estate


L'estate, il sole, la vita all’aria aperta giovano alla mente e al corpo, perciò non ci dispiace affatto dover poi magari dedicare qualche attenzione in più alla pelle e ai capelli, alla fine della stagione probabilmente un po’ provati dall’esposizione prolungata ai raggi solari. Per quanto riguarda la pelle, l’ideale sarà consumare molto pesce ricco di acidi grassi e assumere un integratore come la pappa reale fresca nella dose di 0,2 grammi a digiuno. Indicati anche massaggi su tutto il corpo con olio di sesamo mescolato a olio di rosa muscheta. Quanto ai capelli, farà invece bene consumare miglio e alghe, alimenti assai ricchi di minerali, e pure il lievito di birra in compresse, ricco di vitamina del gruppo B. Utile inoltre fare massaggi delicati al cuoio capelluto stando con la testa all’ingiù e ungere i capelli per 40 minuti, prima di lavarli, con olio di mandorle e noce, oppure fare impacchi con olio di ricino. Risciacquare con acqua fredda.

Pubblicità


PIU' BELLI E IN FORMA

Piedi morbidi e seducenti


Per ammorbidire la pelle dei piedi riempite un sacchettino di canapa con crusca di riso, immergetelo in acqua calda e usatelo per massaggi.

Maschera per il viso


In caso di pelle grassa e spenta, una volta alla settimana frullate un’arancia e una mela con il succo di mezzo limone e 3 cucchiai di infuso di rosmarino. Applicate sul viso per 20 minuti e sciacquate.


Capelli luminosi


I capelli scuri acquisteranno lucentezza se all’acqua fredda dell’ultimo risciacquo aggiungerete un infuso di foglie di alloro otterremo.

anemoneIL LINGUAGGIO DEI FIORI

L’'anemone, fiore della bellezza fugace
L’'anemone è un fiore fragilissimo i cui petali hanno una vita molto effimera, trascinati via dalla prima folata di vento. Ed è proprio dal vento, in greco ánemos, che deriva il suo nome. La leggenda vuole che l’anemone sia nato per volontà di Venere dal sangue di Adone, il suo amato ferito a morte da un cinghiale mentre era a caccia. Anche i Romani amarono molto questo fiore che fu studiato anche da Plinio il Vecchio nella sua Naturalis Historia. L'’anemone, fiore elegante ma molto fragile, è simbolo dell’effimera bellezza terrena, della fragilità, della precarietà di un amore fugace.

Hanno detto

La bellezza è una forma di genio; anzi, è più alta del genio perché non richiede spiegazioni.
Oscar Wilde

 

Le immagini e l'idea di questa particolare realizzazione sono un copyright (c) di Hobbydonna.it

E' proibita la riproduzione per scopi commerciali.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!

Ti potrebbe interessare anche:

Iscriviti alla Newsletter

Iscrivendoti alla newsletter di Hobbydonna rimarrai aggiornata su tutte le nostre novità!
Non ti invieremo MAI spam... garantito!
I agree with the Privacy policy

Link consigliati

Calendario Fiere

Giugno 2019
L M M G V S D
27 28 29 30 31 1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30